Ultimamente ha avuto un grande successo in televisione con l’imitazione di Maria Elena Boschi e presto la vedremo a teatro nei panni di Marilyn Monroe. Erika Diamanti, attrice e doppiatrice, si racconta in esclusiva a Talky.

img_5683

Erika, sappiamo che in questo periodo sei presa da diversi progetti. Raccontaceli…
Sì, il primo è uno spettacolo di Teatro di ricerca. “La repubblica delle Marionette” di Gennaro Francione per la regia di Stefano Palmitessa. Questo spettacolo parla di un uomo che ha perso il lavoro, coadiuvato dai burattini e maschere della commedia dell’arte. Siamo andati in scena dal 14 al 18 dicembre al Teatro dei Conciatori. Ora lo rappresenteremo dal 27 al 29 gennaio al Teatro Dafne di Ostia e poi il 13 marzo al Teatro Golden di Roma. Poi a febbraio sarò in scena con uno spettacolo di Salvatore Rivoli “Un giorno all’improvviso”, una commedia stile tre papà ed un bebe’ molto divertente ma importante dal punto di vista della riflessione: parla di omosessualità e adozioni di bambini. E saremo in scena al Teatro Porta Portese di Roma dal 23 al 26 febbraio. Io sono la protagonista femminile insieme ad un mio collega ed amico che è l’attore Philippe Boa.

A teatro porterai in scena un personaggio tanto discusso quanto amato come la Monroe. Che idea ti sei fatta di lei?
A teatro porterò il personaggio di Marilyn con onore. Saremo in scena al Teatro L’Aura dall’8 al 19 marzo con lo spettacolo “Audrey vs Marilyn” scritto da me e da Chiara Alivernini, la quale interpreterà il ruolo di Audrey Hepburn. E con Arianna Bonardi, e con l’amichevole partecipazione di Edoardo Siravo nel ruolo della voce di Dio. Le scenografie saranno di Paola Maccaroni, le musiche di Andrea Tosi mentre la regia e le coreografie di Felicia Megna. Sono molto felice di interpretare questo importante ruolo di un’attrice e donna che ho stimato sempre. Conosco molto di Marilyn Monroe, ho letto tanto su di lei e penso di riuscire bene ad interpretarla poiché a detta dell’autrice, caratterialmente le assomiglio molto. È stata una bellissima donna, solare, ingenua ed infelice… Non solo riguardo la triste vita che ha subito da parte di gentucola che le ha deviato la mente, ma anche riguardo la fine che le hanno fatto fare, facendolo passare per un suicidio ma tutti intelligentemente sanno che questo particolare è stato studiato apposta per farle ulteriormente del male. Io sono convinta al 100% che Marilyn sia stata uccisa, prima ancora di essere drogata. Ho visto anche dei documentari, interviste, letto molto su questa straordinaria creatura che tutti hanno fatto passare per frivola, insensibile e vuota. No, non era vuota: era solo infelice. Vuoti sicuramente sono coloro che l’hanno giudicata. Abbiamo girato anche delle gag comiche promozionali per lo spettacolo che sono su YouTube sotto la voce Audrey Vs Marilyn, sempre con me e Chiara Alivernini.

Ultimamente hai ottenuto un grande riscontro anche per la tua imitazione della Boschi: com’è nata l’idea?
L’idea dell’imitazione della Maria Elena Boschi è nata da uno spot che ho girato per la Rai, per il programma “Politics” insieme al simpatico conduttore Gianluca Semprini. Mi hanno preso soprattutto per una somiglianza fisica con lei, e così ho pensato di girare delle gag comiche sul suo personaggio che saranno presto su YouTube sotto la voce “Ministro Boschi, Erika Diamanti”.

img_5684

Come nasce, invece, la tua passione per il doppiaggio?
Nasce come un gioco divertente, che da qualche anno si è trasformato in un lavoro. Ho doppiato varie cose da anni ormai. Recentemente l’ultimo film di Massimo Scaglione, “Il mondo di mezzo” nel ruolo della segretaria, e da un paio di mesi una soap-opera spagnola ” La quiero amorir” nella quale interpreto uno dei personaggi principali, Katerine Velalcazar. Ci sono ancora da doppiare un centinaio di puntate prima di vederla in onda.

Nella vita di tutti i giorni, quando non lavori, com’è la tua giornata tipo?
Nella vita di tutti i giorni mi piace respirare aria pura, amo molto il mare, il verde, passeggiare con Marilyn, la mia cagnolina, fare progetti per il futuro.

A livello professionale, quali altri obiettivi ti piacerebbe raggiungere?
Di recente ho vinto il Premio Vincenzo Crocitti come attrice. Ne sono stata molto felice, e ho aperto insieme ad altri soci una società di produzione cinematografica maltese, la Z.E.D. Pictures, Osarevolare. Stiamo portando avanti diversi progetti molto importanti, alcuni dei quali di respiro internazionale. Vorrei potermi concentrare sul cinema e anche la TV, perché no, a grandi livelli.

Tra dieci anni come ti piacerebbe vederti?
Vorrei vedermi realizzata, serena ma soprattutto felice con quello che esiste di più importante nella vita: i valori, la famiglia, i sogni, l’amore. Osarevolare.


Francoise Rolles

View all posts