È uno dei protagonisti dell’ultimo film di Sergio Colabona “Attesa e cambiamenti” e prossimamente lo vedremo nella seconda serie della sitcom di Rai2 “F…atti unici”. Simone Gallo si racconta a Talky, rivelandoci il suo sogno nel cassetto.

image

Simone, ti stiamo vedendo al cinema nel film Attesa e cambiamenti: com’è nato questo progetto?
È nato da un’idea del produttore Gianluca Cerasola, che ha scelto come regista Sergio Colabona il quale mi ha chiamato come attore perché già avevo lavorato con lui su un altro film “Vita cuore e battito”.

Come ti sei trovato con il resto del cast?
Col resto del cast col quale ho lavorato, soprattutto con Roberta Giarrusso, Corrado Fortuna e Walter Santillo, mi sono trovato benissimo, quasi non c’è stato bisogno di rompere il ghiaccio. Loro erano sul set già da giorni, io sono arrivato e mi sono ambientato velocemente. Anche grazie a Sergio Colabona, che mi ha messo a mio agio.

Raccontaci di “Secsi”, con cui stai spopolando in rete..
“Secsi” è nato per gioco con la mia ragazza Alina Person, come una pagina Facebook sulla quale mettevamo dei video inediti a tema sensualità e divertimento… La cosa ha preso piede e oggi abbiamo più di 30000 fan, in continuo aumento e forse presto cominceremo delle collaborazioni importanti per far diventare quel “gioco” un gioco retribuito. Continuate a seguirci!

Attualmente a cosa ti stai dedicando?
Ora sono a Napoli per lavorare alla seconda serie di una sitcom che è andata in onda su Rai2 lo scorso inverno. Interpreto un poliziotto inetto e a tratti idiota in un commissariato ancora più strambo. Qui ho la fortuna di essere diretto dal grande Lello Arena: un’istituzione e un vero simpaticone.

Nella vita di tutti i giorni, quando non lavori, com’è la tua giornata tipo?
Penso. Penso e ogni tanto penso. Penso a come sviluppare idee avute in passato per trasformarle in progetti. Oppure raggiungo i ragazzi che frequentano la scuola per attori che ho aperto con Claudio Insegno, nella quale tengo un Lab creativo con il mio socio Andrea D’andreagiovanni col quale ho fatto Colorado. Adoro stare con i più giovani: rivedo me stesso anni fa.

image

A livello professionale, quali altri obiettivi ti piacerebbe raggiungere?
La butto là: condurre un programma di intrattenimento.

Tra dieci anni come ti piacerebbe vederti?
Più giovane di 10 anni! Mi piacerebbe vedermi nella situazione in cui posso dire di no ad un lavoro perché ne ho già altri.


Francoise Rolles

View all posts
Inline
Inline